Notizie | lunedì 23 aprile 2018

Imparare il polacco: impresa possibile…e utile

Volete cimentarvi con una lingua straniera non “da scuola dell’obbligo”, ma non avete voglia di crogiolarvi nella banalità scegliendo un idioma tra i più gettonati?

 

Volete cimentarvi con una lingua straniera non “da scuola dell’obbligo”, ma non avete voglia di crogiolarvi nella banalità scegliendo un idioma tra i più gettonati? Insomma, desiderate distinguere il vostro curriculum da tutti quelli di coloro che accanto all’inglese e/o al francese mettono il cinese o il russo? Allora perché non provate con il polacco?

A molti di voi l’idea suonerà balzana, ma non lo è. Intanto perché non stiamo parlando di una lingua così astrusa e incomprensibile come viene dipinta da molti, spesso a sproposito. Anzi, rispetto alla moltitudine di lingue dell’Est-Europa – siano esse slave come il serbo o ugro-finniche come l’ungherese – il polacco può essere considerato persino “facile”, pur con tutte le precauzioni che l’utilizzo improprio di tale aggettivo comporta.

In seconda istanza, ci sono altre buone – in alcuni casi ottime – ragioni per le quali il polacco potrebbe essere per voi un’opzione da prendere in seria considerazione. Proviamo a indicarne qualcuna.

 

Paese sano, economia rampante

Dopo tanti decenni bui, oggi la Polonia è uno dei paesi europei in cui il livello di benessere è cresciuto maggiormente. L’economia viaggia spedita e le occasioni di lavoro non mancano, neanche per i cittadini stranieri, malgrado la proverbiale diffidenza dei polacchi nei confronti dei forestieri. Inoltre, se si riesce a glissare sul clima non troppo amichevole, la qualità della vita è eccellente: trasporti, servizi, sanità, istruzione…

 

Un gran numero di native speaking individuals

La Polonia conta attualmente quasi 40 milioni di abitanti, cui devono aggiungersi circa 10 milioni di espatriati o figli/nipoti di espatriati che ancora parlano polacco. Insomma, non correte il rischio di sentirvi soli, anzi: per voi sarà relativamente facile trovare degli interlocutori di madrelingua, anche solo facendo una ricerca superficiale fra i principali social network.

 

Facilità di accesso alle fonti

Sia su Internet che nelle principali librerie è relativamente facile trovare dei buoni testi di grammatica e dei non meno validi dizionari italiano-poalcco. In più, se ritenete di avere bisogno di una guida didattica esperta e referenziata, l’imbarazzo della scelta si fa ancora più consistente. Per farvi un’idea consultate questo link: https://preply.com/it/skype/tutor-polacco.

 

Letteratura da Nobel e cinema da Oscar

La Polonia può vantare una grandissima tradizione letteraria e cinematografica. Vi dicono niente i nomi dello scienziato e scrittore di fantascienza Stanisław Lem – l’autore di Solaris, più volte trasposto su grande schermo – o della poetessa Wisława Szymborska, Premio Nobel per la Letteratura nel 1996? E che dire di registi come Andrzej Wajda – vincitore di importanti festival internazionali come Cannes e più volte candidato all’Oscar, che poi ricevette alla carriera nel 2000 –, Krzysztof Kieślowski e dell’ormai apolide Roman Polański?

Imparare il polacco significa anche immergersi in un patrimonio di storie, immagini e idee che appartengono all’universalità dell’uomo. La capacità del popolo polacco di interrogarsi sull’esistente deriva forse dal suo passato – recente o remoto – dai contorni oltremodo tragici, ma riesce a riecheggiare di sentimenti ed emozioni che appartengono all’intera umanità.

 

Qui si fa la Storia

La Polonia è stata spesso teatro di conflitti epocali e crocevia di snodi importanti della storia del mondo occidentale e non solo. Sin dalle prime invasioni barbariche, il territorio che ora rientra nei confini polacchi è stato lo sfondo di battaglie apicali per il destino di intere civiltà, ma anche la culla in cui molte di queste civiltà sono nate e/o si sono sviluppate.

Insomma, dentro la storia della Polonia e della sua gente, c’è anche qualche germe della nostra identità. E, in maniera ancora più preponderante, di quell’identità europea che ancora oggi si sta tentando faticosamente di costruire. La Polonia ci riguarda da vicino, e conoscere la sua lingua, la sua storia e la sua cultura equivale a saperne un po’ di più anche su noi stessi.

Ti potrebbero interessare anche: