Notizie | domenica 12 novembre 2017

Bancarelle del mercato e macchina scarificatrice, un binomio perfetto


Sabato mattina alcuni ambulanti del mercato hanno avuto una spiacevole sorpresa:gli spazi loro riservati erano occupati da una macchina scarificatrice gigantesca. Sorpresa per loro e disagi per i moltissimi clienti alle prese con lo scomodo ingombro. Senza parlare del colpo
d'occhio, davvero improponibile.

E' vero: quel macchinario dalle grandi dimensioni era indispensabile per importanti e improcrastinabili lavori in corso: rimuovere il vecchio asfalto dalla galleria Francia e permettere di stendere il  nuovo manto. Ed essendo complesso il suo spostamento per la sua enorme mole era stato parcheggiato nelle vicinanze, nell'unico spazio disponibile. Dimenticando che sabato era giorno di mercato e che nel week end legato all'11 novembre, data della vittoria dei francesi nella prima guerra mondiale, ci sarebbe stato un grande flusso di compratori d'Oltralpe.

Non c'erano soluzioni alternative alla sosta fra le bancarelle? Una, forse, si sarebbe potuta trovare, senza grandi spostamenti e senza disagi: trasferire il macchinario nella “zona franca” , al di là del posto di blocco che ogni giorno di mercato viene istituito per ragioni
di sicurezza antiterroristica. Le auto non passano, non c'è traffico e non avrebbe dato fastidio a nessuno. E, nel malaugurato caso di attentato, come “barriera” sarebbe stata più efficace e sicura delle due auto di traverso della polizia municipale.

Ti potrebbero interessare anche: