Notizie | sabato 11 novembre 2017

Associazione animalista cita in giudizio il parco acquatico Marineland di Antibes per inquinamento e per la morte di alcuni animali provocati dall'alluvione dell'ottobre 2015.

Ma un cavillo rischia di bloccare il processo.

L'associazione animalista francese Sea Shepard, ha citato in giudizio davanti al tribunale di Grasse i vertici del parco acquatico Marineland di Antibes per i fatti accaduti nei giorni successivi alla devastante inondazione del 3 ottobre 2015. Ore di piogge torrenziali avevano provocato l'allagamento dell'intero parco, con il fango che aveva invaso il delfinario provocando anche la morte di molti animali tra cui l'orca marina Valentin, una delle attrazioni di Marineland. Le accuse dell'associazione erano circostanziate: Marineland per ripulire il delfinario aveva scaricato le acque in un campo vicino provocandone l'inquinamento e, inoltre, si sarebbe reso responsabile della morte dell'orca avendo ignorato i rischi di possibili inondazioni, già annunciate in passato. Mercoledì si sarebbe dovuto celebrare il
processo in tribunale, ma un cavillo ha fatto rinviare tuto L'associazione animalista aveva scelto la strada della citazione diretta, ma avrebbe dovuto depositare la documentazione entro il 15 giugno scorso. La cancelleria,  però,  l'ha ricevuta il giorno successivo. E, quindi, ora c'è il rischio che la battaglia degli animalisti si concluda con un nulla di fatto.

Ti potrebbero interessare anche: